Teaser video: com’è stato realizzato con un basso budget

acme-recording-studio

Teaser video: com’è stato realizzato con un basso budget

Tempo fa il batterista di una promettente band, Alberto Spicciolato, ci contatta. L’intento è realizzare alcune immagini nello studio di registrazione Acme Recording Studio di Raiano (AQ), durante la produzione dell’album “taking my youth“. Il tutto al fine di realizzare un semplice ed economico teaser per il lancio del disco. Ve lo mostriamo per poi descrivervi come ci siamo arrivati:


Centrare il target e lo stile

La prima domanda che poniamo a noi stessi prima di iniziare un nuovo progetto è: qual’è il target di riferimento? Chi dobbiamo colpire? In questo caso, si tratta di un pubblico under 35 amante della musica, in particolare rock. Poi si è pensato alla durata: 1 minuto, per colpire anche un pubblico distratto.

Trattandosi di un opera da realizzare con un micro budget, io e Andrea Rocci decidiamo di realizzare un prodotto elegante e semplice. Siamo fortunatamente, per il nostro passato, molto esperti in produzioni low cost. Il più grande problema da risolvere è l’impossibilità di preparare le riprese: tutto (o quasi) deve essere girato durante la produzione dell’album. Ciò significa, oltretutto, dover disturbare il meno possibile. E, trattandosi di un teaser, è fondamentale che incuriosisca gli spettatori casuali o meno.

Un mix tra documentario e videoclip è l’unico stile in grado di aiutarci. Oltretutto, avere a disposizione lo studio e gli “attori” (i componenti della band) già intenti a svolgere un ruolo attivo (cantare e suonare), ci aiuta proprio nella riduzione del budget. Per incuriosire, c’è bisogno di un inizio interessante (i primi 5 secondi sono i più importanti sul web), ma allo stesso tempo con un significato e un’idea da comunicare. Abbiamo deciso di far comprendere allo spettatore il tempo che la band ha dedicato alla creazione dell’album (dalla scrittura alla pubblicazione), lasciando al tempo stesso una sensazione di attesa verso il prosieguo del video e, soprattutto, verso l’uscita dell’album.

alaf-teaser-videoRealizzazione pratica del teaser

Scartando molte soluzioni per motivi economici o funzionali (tra cui creazioni in 3D e stop-motion), la soluzione è stata un effetto antico e sempreverde, il time-lapse. Per questo una mattina (con cielo parzialmente nuvoloso per un effetto migliore) ci rechiamo a Raiano, davanti lo studio di registrazione. Manteniamo la nostra XF300 fissa per ore a registrare un paio di fotogrammi ogni 30 secondi, poi rapidamente rielaborati in post-produzione. Una mattinata decisamente lunga (ma rilassante), che ci ha fatto tornare a Castel di Sangro con del materiale d’oro.

È giunto il momento di girare il corpo del video. Arrivati allo studio con luci e videocamere, salutiamo i ragazzi mentre Davide, il titolare, ci mostra il suo mondo. Restiamo affascinati dalla cura che ha verso l’ambiente (guai anche solo a gettare una cicca di sigaretta) e dalla semplice camera da letto. Qui le band provenienti da più lontano possono pernottare e continuare a registrare il giorno successivo. La sala di registrazione è ovviamente scura; cerchiamo di creare la giusta fotografia tenendo i proiettori luminosi fuori dai possibili campi inquadrati (è stato comunque necessario spostarli più volte). Dopo circa mezz’ora tutto è pronto, i ragazzi di À l’aube fluorescente (questo il nome della band) iniziano le loro registrazioni. A turno, uno strumento per volta, sono chiamati in sala mentre noi riprendiamo da varie angolazioni e con due videocamere.

In circa un minuto di teaser ci siamo ripromessi di raccontare l’intera giornata, e le immagini che realizziamo vanno tutte in questa direzione. Inquadrature significative, alcune più dettagliate e altre meno, aiutano lo spettatore ad immedesimarsi. Vogliamo creare un clima di fiducia e amicizia, che trasmetta tutta la passione che i ragazzi mettono nel loro progetto. La parte “documentaristica”, seppur con un montaggio serrato lasciato guidare pesantemente dal ritmo rock della loro musica, ci serve proprio a questo: stile semplice ed elegante; immagini di qualità ma soprattutto che ti lasciano con la voglia di essere lì, di essere come loro, di conoscerli. E, si spera, di acquistare l’album.

alaf-teaser-video-batteriaPost produzione e diffusione

In post produzione il lavoro è agevole: tutto è già deciso. Bisogna soltanto pensare a come dare un tocco “rock” al video per piacere al nostro target. Per il quale abbiamo scelto di tornare alla parte “videoclip” dello stile: immagini invecchiate ma moderne, con titoli molto grandi che spiccano e incuriosiscono.

Il prodotto finale è ciò che potete vedere. Il lancio è stato fatto principalmente tramite Facebook (con alcune sponsorizzazioni) e YouTube. La band non ci ha delegato questa fase, preferendo preoccuparsi personalmente di pubblicizzare e far girare il video tra le riviste online di settore con buoni risultati.

Dario Riccio – NSM

Tags:


NEW STAR MOVIES - I TUOI VIDEOMAKERS PREFERITI.